• Dalla ricerca all’innovazione

  • Un supporto concreto per le aziende

  • Servizi di analisi su misura

Identificazione di varietà di vite e uva (da vino o da tavola) tramite DNA

Fin dall’inizio degli anni ‘90 l’evoluzione delle tecniche di biologia molecolare ha permesso lo sviluppo e l’introduzione dei marcatori microsatellite (SSR) come strumento diagnostico utile per una rapida e affidabile identificazione delle varietà e cultivar di vite, rappresentando oggi un fondamentale strumento di supporto nella gestione delle risorse genetiche viticole.

L’esperienza decennale di FEM2-Ambiente in questo settore ha permesso di affinare la tecnica e mettere a punto un servizio rapido ed efficace da proporre ad aziende, privati o enti pubblici che abbiano interesse nell’identificare, verificare o caratterizzare campioni di uva per rispondere a diverse esigenze come:

  • tutela di una varietà di proprietà
  • avvio di una nuova coltivazione
  • verifica e tutela e valorizzazione di un vitigno
  • programmi di miglioramento genetico
Identificazione Cultivar Vite

L’identificazione di varietà (cultivar) può essere effettuata su:

  • Germogli
  • Foglie
  • Legno
  • Radici
  • Grappoli

Dettagli tecnici

Ogni varietà di uva possiede una combinazione unica della lunghezza dei loci microsatelliti utilizzati come marcatori. Le tecniche di biologia molecolare permettono di isolare e amplificare queste regioni di DNA da qualsiasi parte della pianta e grazie a strumenti dedicati è possibile conoscere le dimensioni di queste regioni. La bioinformatica invece consente di utilizzare banche dati creati appositamente contenenti queste informazioni per tutte le varietà studiate e ne permette un confronto e un’identificazione rapida e univoca.

Il servizio

  1. Estrazione del DNA totale dal campione fornito dal cliente: in base alla matrice di partenza verrà applicato il protocollo più idoneo
  2. Isolamento e amplificazione delle regioni di DNA (loci) utilizzando dei primer di DNA fluorescenti, che permettono la determinazione del profilo genetico. I loci analizzati e accettati a livello internazionale sono i seguenti: VVS2, VVMD5, VVMD7, VVMD25, VVMD27, VVMD28, VVMD32, VrZAG62, VrZAG79. Su richiesta del cliente è possibile indagare anche altri loci riconosciuti.
  3. I loci amplificati e marcati con fluorescenza vengono sottoposti all’analisi di lunghezza mediante un opportuno strumento denominato sequenziatore.
  4. Dagli elettroferogrammi ottenuti si estrapolano le lunghezze in paia di basi dei loci di interesse.
  5. I valori ottenuti vengono confrontati con banche dati pubbliche o private o col profilo genetico di specifici campioni standard per individuare o confermare la varietà di appartenenza.
  6. Verrà poi compilato e fornito un report d’analisi contenente le informazioni ottenute dall’analisi e il risultato dell’identificazione.

Contattaci

per maggiori informazioni o per richiedere un preventivo gratuito.

Nome e cognome*

Azienda*

Email*

Oggetto*

Maggiori informazioni

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679 e della vigente normativa nazionale in termini di Privacy.