• Dalla ricerca all’innovazione

  • Un supporto concreto per le aziende

  • Servizi di analisi su misura

La ricerca incontra le imprese grazie al progetto “DNA in Filiera”

Con il mese di giugno, dopo un anno di lavoro, si è concluso il progetto DNA in Filiera.

Grazie alla collaborazione con 20 aziende provenienti dal settore erboristico, agroalimentare e nutraceutico e all’analisi di più di 120 prodotti, FEM2-Ambiente ha potuto testare sul campo l’efficacia delle analisi genetiche e comprendere in quali casi la tecnica del DNA barcoding, spesso usata in campo scientifico, possa diventare uno strumento utile e vantaggioso per le imprese. Attraverso il progetto DNA in Filiera è stato possibile avvicinare in modo concreto il mondo della ricerca a quello delle imprese, agevolando e consentendo la cooperazione tra due realtà spesso distanti tra loro.

Leggi Tutto

Acqua più sicura grazie al progetto PILGRIM

Il primo giugno 2019 si è concluso PILGRIM, il progetto nato con l’obiettivo di sviluppare un modello innovativo per il controllo della rete idrica urbana capace di prevenire e gestire in modo rapido ed efficiente eventuali problematiche.

Grazie al posizionamento di particolari sensori in punti strategici, alla realizzazione di una piattaforma gestionale dedicata e allo sviluppo di sistemi di analisi rapidi è stato possibile progettare e testare un sistema di monitoraggio continuo, online e in tempo reale della rete idrica della città di Milano. Grazie alle tecnologie sviluppate sarà possibile ridurre il numero di interventi urgenti e i costi di gestione con effetti positivi sul territorio e sulla sicurezza dei cittadini.

Leggi Tutto

Individuare allergeni alimentari grazie al DNA. Il nuovo metodo sviluppato da Barilla e FEM2-Ambiente

Grazie alla collaborazione tra Barilla e FEM2-Ambiente è stata sviluppata una nuova metodologia di analisi capace di rintracciare in maniera rapida e precisa la presenza di allergeni all’interno dei prodotti alimentari ed individuare possibili contaminazioni lungo la filiera produttiva. La nuova tecnica si basa sull’analisi genetica e si pone a supporto delle procedure attualmente utilizzate per determinare la presenza di allergeni nei prodotti alimentari.

Nell’ambito della salute pubblica e della sicurezza alimentare allergie e intolleranze sono temi di grande interesse. I consumatori sono particolarmente sensibili a questi aspetti e ripongono molta attenzione a quello che acquistano.  Chi si occupa di ristorazione invece deve poter tutelare i clienti che manifestano particolari esigenze alimentati dando loro informazioni precise.

Leggi Tutto

Con la Blockchain la tracciabilità alimentare non ha più segreti

Venerdì 15 marzo 2019, nell’ambito della Milano Digital Week, presso Cascina Cuccagna (Un Posto a Milano) si è dato vita ad una interessante tavola rotonda sul tema della tracciabilità alimentare.

L’evento “Dalla Terra allo spazio. Dalla Blockchain al menù degli astronauti”, organizzato e moderato dal giornalista di Triwù Daniele Bettini, ha riunito diversi attori della filiera agroalimentare. Da chi la studia e progetta a chi lavora su nuove tecnologie capaci di aggiungerle efficienza e sicurezza fino a cambiare radicalmente le relazioni con i consumatori.

Leggi Tutto

Tracciare la filiera delle erbe officinali, dal campo allo scaffale, con l’aiuto del DNA.

Secondo i dati pubblicati da Persistence Market Reasearch, il mercato degli integratori alimentari vegetali negli ultimi anni sta subendo un forte incremento tanto che si stima che nel 2025 questo potrà valere circa 65 miliardi di dollari.

A influire positivamente sullo sviluppo di questo settore è senza dubbio l’adozione di uno stile di vita più sano da parte di un numero sempre maggiore di consumatori. Un cambiamento che si traduce nell’acquisto di prodotti di alta qualità e in una particolare attenzione verso le loro caratteristiche organolettiche.

Leggi Tutto

Digital Week 2019

Dal 13 al 17 marzo 2019, Milano

Dopo il successo dello scorso anno torna la digital week, l’evento milanese dedicato all’educazione, alla cultura e all’innovazione digitale promosso Comune di Milano, assessorato alla trasformazione digitale e servizi civici, Cariplo Factory, Interactive Advertising Bureau (Iab), Hublab e Meet – Centro internazionale per la cultura digitale

Leggi Tutto

TUTELARE L’ECOSISTEMA DEL TERRITORIO GRAZIE ALL’IDENTIFICAZIONE DI SPECIE INVASIVE: IL BAMBOO IN PIEMONTE E VAL D’AOSTA.

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DEL PROGETTO BAMBAPP.

Mercoledì 30 gennaio 2019 si terrà presso il palazzo della regione Piemonte l’incontro per la presentazione dei risultati del progetto BambApp. In quest’occasione sarà possibile discutere i dati ottenuti, verificare il livello di diffusione e valutare il potenziale di invasività delle diverse specie di bamboo presenti nelle regioni Piemonte e Val D’Aosta.

Leggi Tutto

Identificazione d’origine: verso strumenti analitici per caratterizzare l’origine geografica

Definire l’origine geografica delle proprie produzioni è un aspetto molto sentito dai produttori del settore vitivinicolo. La caratterizzazione geografica è fondamentale sia per la protezione e la valorizzazione di questa tipologia di prodotti sia per garantire ai consumatori le corrette informazioni.

La recente rettifica della Commissione Ue sul regolamento sul vino sottolinea inoltre che l’indicazione d’origine dovrà corrispondere al luogo in cui le uve sono state raccolte e non il luogo dove avviene la trasformazione del vino.

Leggi Tutto

UVA: l’analisi del DNA per tutelare le varietà brevettate

Tutto il settore vitivinicolo sostiene l’importanza di conoscere, identificare ed etichettare correttamente le cultivar presenti sul mercato.

Anni di selezione naturale e poi la coltivazione dell’uomo hanno fatto sì che si creasse un elevato numero di varietà di vite, sia da vino sia da tavola. Sebbene spesso le caratteristiche organolettiche differenziano uve diverse, lo stesso non si può dire dei tratti morfologici che non sempre sono in grado di distinguere una cultivar dall’altra. Tutto questo ha reso necessario lo sviluppo di metodi diagnostici per un’identificazione varietale in tempi rapidi e con costi sostenibili

Da diversi anni FEM2-Ambiente ha adottato e validato nei suoi laboratori l’analisi del DNA applicata al settore viticolo, offrendo così un servizio rapido ed efficiente che permette l’identificazione di diversi campioni di vite (dal seme al tralcio, dall’acino alla foglia, etc).
L’analisi viene condotta nei laboratori attrezzati passando da quello che è l’isolamento e lo studio di differenti regioni di DNA, chiamate microsatelliti o SSR (short sequence repeats).

identificazione varietà di uva o viteL’indagine di queste regioni determina un profilo univoco per ogni varietà di uva. Una volta identificato il profilo viene confrontato con banche dati pubbliche o private per l’identificazione della cultivar o la conferma di identità con varietà di riferimento.

Permettendo una rapida e sicura identificazione delle piante e dei loro prodotti, il servizio offre uno strumento di supporto alla filiera, dalla produzione di nuove varietà alla protezione e tutela delle stesse.

Infatti, la produzione e/o commercializzazione di uva appartenente a varietà protette costituisce reato indipendentemente dal tipo di denominazione utilizzato. Importanti aziende sia nazionali che internazionali si avvalgono dei servizi di FEM2-Ambiente proprio per tutelare i loro prodotti dai “contraffattori”.

Scopri di più sul servizi di identificazione di cultivar di vite offerto da FEM2-Ambiente

Leggi Tutto

HANNO SCELTO FEM2-AMBIENTE

Logo Giuliano
Logo Epo
Zafferano Elenico Identificazione Genetica
amitahc Italia S.r.l.
LOGO ALPIZOO
Roelmi HPC   Logo Esteso   2016 08 05
Logo FOS Fondo Trasparente
1cf582443270320f602aba13af703a94
Provetlab Analisi Veterinarie
Sardanelli
Swedencare
  • +39 02 64483375

    +39 02 64483375

  • info@fem2ambiente.com

    info@fem2ambiente.com

  • Piazza della Scienza 2, 20126, Milano (MI), Italy

    Piazza della Scienza 2, 20126, Milano (MI), Italy