• Dalla ricerca all’innovazione

  • Un supporto concreto per le aziende

  • Servizi di analisi su misura

Errori in etichetta? Scoprilo con il DNA Metabarcoding

Saper rassicurare la propria clientela sulla sicurezza e la qualità dei prodotti venduti è oggi un fattore fondamentale, in particolar modo nel settore agroalimentare.

Questo aspetto si pone come un tratto distintivo sul mercato, capace di influenzare e veicolare le scelte d’acquisto. I trend di consumo si stanno spostando sempre più verso prodotti che riportano in etichetta certificazioni, loghi o marchi a garanzia della qualità e della provenienza (DOP, DOC, IGP, etc.), verso quelli “Free from”, “Rich-in” o in accordo con determinati stili di vita (Bio, Veg, halal etc.).

Le etichette dei prodotti presenti sugli scaffali sono sempre più chiare, ricche di dettagli e capaci di soddisfare le esigenze di un consumatore sempre più attento ed informato, divenendo fonte di attrazione verso il prodotto stesso. (Fonte: Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy)

L’etichetta è oggi uno strumento a disposizione delle aziende per comunicare l’impegno profuso nel garantire la qualità e la sicurezza dei propri prodotti e aumentare la fiducia dei consumatori. Di conseguenza diventa necessario sviluppare nuove metodologie di analisi, sempre più precise ed efficaci, per il controllo delle materie prime e dei prodotti acquistati e venduti, garantendo la correttezza dell’etichettatura. Analisi capaci di tutelare le aziende produttrici dai possibili errori e problemi che possono intercorrere in tutto il processo produttivo, con i conseguenti danni economici e la vanificazione degli sforzi fatti.

I ricercatori di FEM2-Ambiente hanno collaborato con il gruppo di ricerca ZooPlantLab dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca per la realizzazione di uno studio (*) volto a testare l’applicazione della tecnica Metabarcoding in campo alimentare, con l’obiettivo di verificare la composizione e rintracciare possibili contaminanti all’interno di materie prime e prodotti processati e finiti.

La metodologia Metabarcoding, a differenza della tecnica classica del DNA barcoding, consente di identificare tutte le specie presenti all’interno di un unico campione, perciò anche i contaminanti biologici.

Durante lo studio sono state analizzate diverse tipologie di prodotti alimentari, selezionate in base al metodo di lavorazione subito, alla loro complessità e alla difficoltà nel riconoscimento morfologico degli ingredienti (zuppe, dadi vegetali, integratori, mix di erbe e spezie, etc.).

Tutti i prodotti sono stati sottoposti ad analisi Metabarcoding e per ognuno di essi sono state identificate le diverse specie contenute, restituendo in alcuni casi anche dati differenti da quanto riportato in etichetta.

L’analisi Metabarcoding si è quindi dimostrata un valido strumento per la verifica della qualità e sicurezza dei prodotti. Si tratta tuttavia di una metodologia che deve essere adattata e ottimizzata alle diverse tipologie di campione in modo da poterne anche ridurre tempistiche e costi.

Il team di FEM2-Ambiente mette a disposizione la propria esperienza per sviluppare e ottimizzare analisi ad hoc per le aziende del settore alimentare o erboristico per la rilevazione di contaminanti su diverse tipologie di prodotto (Ad esempio: Individuare gli allergeni della senape grazie al DNA)

*Bruno, A., Sandionigi, A., Agostinetto, G., Bernabovi, L., Frigerio, J., Casiraghi, M., & Labra, M. (2019). Food Tracking Perspective: DNA Metabarcoding to Identify Plant Composition in Complex and Processed Food Products. Genes, 10(3), 248.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE…

La ricerca incontra le imprese grazie al progetto “DNA in Filiera”

Con il mese di giugno, dopo un anno di lavoro, si è concluso il progetto DNA in Filiera.

Grazie alla collaborazione con 20 aziende provenienti dal settore erboristico, agroalimentare e nutraceutico e all’analisi di più di 120 prodotti, FEM2-Ambiente ha potuto testare sul campo l’efficacia delle analisi genetiche e comprendere in quali casi la tecnica del DNA barcoding, spesso usata in campo scientifico, possa diventare uno strumento utile e vantaggioso per le imprese. Attraverso il progetto DNA in Filiera è stato possibile avvicinare in modo concreto il mondo della ricerca a quello delle imprese, agevolando e consentendo la cooperazione tra due realtà spesso distanti tra loro. Scopri di più.

Identificazione e quantificazione di alghe brune in materie prime e prodotti lavorati

L’uso di alghe brune negli anni ha visto un forte incremento in diversi procedimenti industriali: vengono infatti utilizzate nell’industria tessile, farmaceutica, cosmetica, cartiera, delle vernici, ma anche in agricoltura come fertilizzanti naturali. Scopri di più.

HANNO SCELTO FEM2-AMBIENTE

Logo Giuliano
Logo Epo
Zafferano Elenico Identificazione Genetica
amitahc Italia S.r.l.
LOGO ALPIZOO
Roelmi HPC   Logo Esteso   2016 08 05
Logo FOS Fondo Trasparente
1cf582443270320f602aba13af703a94
Provetlab Analisi Veterinarie
Sardanelli
Swedencare
  • +39 02 64483375

    +39 02 64483375

  • info@fem2ambiente.com

    info@fem2ambiente.com

  • Piazza della Scienza 2, 20126, Milano (MI), Italy

    Piazza della Scienza 2, 20126, Milano (MI), Italy